La frutta non sa più di niente!

La frutta non sa più di niente. Le banane, se banane si possono chiamare quelle cose sbiadite e perennemente poco mature che si trovano nel 90% dei casi nei supermercati, non sono nemmeno lontanamente dolci come erano fino a qualche tempo fa. I meloni sanno di medicinali, me ne accorgo solo io? Cos’è, li concimano con la tachipirina? Le mele in molti casi sembrano delle patate e sanno di patate. Per non parlare poi dei cocomeri (chi mi conosce bene sa del mio amore per i cocomeri): i vecchi, dolci cocomeri “normali” con i semi di una volta, cominciano anche qui in Italia a lasciare il posto a questi cosi senza semi che non si è capito se sono ogm, ibridi di un qualche tipo, o transgender. A me questa frutta senza semi, oltre al cocomero anche l’uva per esempio, fa veramente impressione. Anche la frutta biologica a volte è a malapena migliore: la roba Bio del carrefour per esempio non me la conta mica giusta. Come fanno quelle mele bio ad avere tutte, sempre, lo stesso sapore, lo stesso grado di dolcezza? Non è proprio una caratteristica del “vero” cibo quello di presentarsi sempre con un sapore un pochino diverso, una volta più dolce, o una volta più duro, o una volta più colorato?

Ahò, datevi una ravveduta che sennò piglio e mi metto a fare l’agricoltore (il che mi piacerebbe molto se abitassi stabilmente in una casa con un terreno intorno)!

Grillo vs Renzi

Sul blog di Beppe Grillo oggi un nuovo attacco a Renzi. Grillo è intelligente, e mi è decisamente chiaro perché si concentra su questo bersaglio: sa che Renzi sarà il suo principale avversario alle prossime elezioni, quindi ha iniziato le ostilità subito. Con Berlusconi fuori gioco, il rischio è che la gente disinformata / abbindolabile voti in massa questo “volto nuovo” (in realtà più vecchio di mio nonno). Buona strategia Grillo, furba. Speriamo che funzioni, perché io Renzi a capo del governo coi suoi giacchetti di pelle, subito dopo questo governo Letta (il più inutile della storia) non lo digerirei proprio bene.