Trolled by the Balkans

I have spent most of the last two months traveling, of which some weeks in the Balkans, that I’ve decided to describe in this article. The two friends I was traveling with and I were curious about this part of Europe, that we expected to be the most authentic and “different” compared to the Europe we’re familiar with.

We were certainly not disappointed: the result has been a very interesting trip, even if frankly I’ve seen some of the most absurd places of my life. In fact often during the trip we joked saying that we were constantly trolled by the Balkans, that were presenting in front of our eyes some scenarios that were so weird and inexplicable that we were left uncertain and with the feeling “what the heck are we seeing?”.

This is the video that I produced, that contains some of the things seen in the countries I’ve been to: Albania, Greece, Macedonia, Serbia, Kosovo, Montenegro, Bosnia-Herzegovina, Croatia.

General impressions I had during the trip

There is an impressive amount of unused land in these countries, that is not farmed or used for pasture. It’s surprising to think that many people kill each other to live in arid areas of the middle East, while here in the Balkans there is so much fertile land that no one uses. The little agricolture and animal farming often are translated into food with quality that varies from “ok” to “dreadful”.

I perceived a general vibration of obliviousness and sleepiness, mixed to a certain disinterestedness for the environment and the people around, that especially in the inland Balkans produce insanely irregular neighborhoods, chaotic traffic, rows of street vendors and shops that offer all the same products (empty, and I don’t know how they carry on).

Even if here and there there are churches with delightful proportions, and some of them appear in this video, the sense of aesthetics and art is missing a lot. The difference for me, coming from Italy, is really dramatic. I’ve seen entire cities where apparently the idea of decorating a neighborhood with a fountain or a garden has never been taken into consideration.

In return people seemed rather friendly everywhere, and all these places gave me the impression of being safe, where street crimes and robberies are not common events. Also, even if currently I would definitely prefer not to live there stably, I’ve seen a lot of potential in the Balkans: who knows how they will transform in the future?

Specific impressions on the individual countries

Albania: a very, very strange country. The most inexplicable thing are the thousands (many thousands) of unfinished buildings scattered everywhere, built without any criterion. I don’t think that the concept of urban plan exists in Albania. You see a thirty floor skyscraper without windows -abandoned- next to a gas station -abandoned- next to a series of five multicolor condos in ruins -abandoned- next to a roman empire style villa without windows -abandoned-.

There are mosques scattered here and there in the industrial areas, in the countryside, on the mountains, that is hard to imagine they’re ever reached by anyone. In the countryside you see cement bunkers, skeletons of houses that could be inhabited, but with toys and puppets hanging on a rope from the balconies. In the rural areas donkeys are used a lot to transport materials, small ones, like mini-donkeys. In the cities, surprisingly, cars are rather high level, in fact I think I’ve seen many more suvs in Durres and Tirana than in Rome.

Among the best trolls by Albania: seeing two men playing cards on an improvised table, at the side of a highway and under the sun, in the absolute middle of nowhere and very far from any town or city, that make you wonder: a) how did they manage to get there since they don’t seem to have a car b) why there c) why are they playing cards few feet away from the border of the highway, at risk of being hit by a truck. At least go a little bit further and in the shade!

Greece: in this trip we only visited the north part of Greece, that seemed to me depopulated and with a rather dry ladscape. The cities I’ve been to, for example Ioannina and Kastoria, left me the impression of sleepiness I was mentioning above, of not having charisma. Thessaloniki, much bigger, is without any doubt more animated, but too touristy and chaotic for my taste.

One thing that surprised me a bit is that everywhere, especially in the lesser known and more isolated towns, it seems like there are no ancient buildings. I’m used to the picturesque towns of Italy, full of castles, towers, stony buildings and with a medieval appearance. In the north of Greece instead I haven’t seen any town that would suggest a long history. Many small towns are simply groups of houses with the aspect that I would define “normal”: with facades in cement, built recently. And the ancient houses, where have they gone?

Surprisingly, at least for what I was expecting considering the previous trips to Athens, it wasn’t easy to find quality food in the north of Greece. In the supermarkets there was a predominance of processed foods, and little fresh fish. Even finding a restaurant where to eat a real meal has been difficult. In Ioannina for example it seems like there is only a plethora of coffee-bars, where they serve drinks and snacks, but very few restaurants.

Misteries: in the countryside we noticed here and there small fields of tobacco and cotton. What do they do with such small harvests? The tobacco maybe is smuggled, but the cotton? Another mistery is the exaggerated number of pharmacies. In a small town with very small population we counted five, almost one next to the other.

Macedonia: after the break of “normality” in the north of Greece, close anyway to the Europe I’m familiar with, the trolling took off in Macedonia. It’s here that I’ve seen some of the weirdest scenes of the Balkans.

The absurd way of routing the electric wires to the buildings, of which I already had a taste in Albania anyway: large tangles of wires hanging on top of the poles, from which webs depart in all directions. I wonder: if there is a damage at one of the wires, how does the repairman find it in that mess? Again I’ve seen many unfinished and unused buildings (but not as many as in Albania) and an architecture with a style “slightly” inhomogeneous.

One bizarre thing is that several times I observed people trying to find what were the typical traits of people from Macedonia, and I didn’t succeed at all. In Albania, for example, I had found a certain recurrent scheme in the facial structures. In Macedonia instead I’ve been to a couple of cities where, no matter how hard I tried, there was no way, until I surrendered to the evidence: everybody seemed to be completely different from everybody.

In Macedonia I’ve seen one of the highest levels of obliviousness regarding aesthetics (the historical visit to an art gallery containing “artistic” posters that I commented -even if with arrogance- of being able to scribble with a pen myself, maybe while I’m chatting on the phone) and regarding the “concept” of food. The quality of fruits and vegetables seemed ok to me, the problem was to find protein: lack of fresh fish everywhere (anyway forgivable for a inland country) and especially good quality meat (there’s a lot of processed meat and predominantly pork). I’ve never noticed organic food in the supermarkets I’ve been to.

Serbia: I’ve seen very little of Serbia, we just did a raid of few hours with the car, in the south, passing some tiny villages on the road and until we reached Vranje, a town that has very vaguely the appearance of a town on the mountains of north Italy. I haven’t seen enough anyway to notice particular differences from the other countries of the Balkans nearby.

Kosovo: we entered from the south of the country and drove along all the big road that leads to the capital, Pristina. Initially Kosovo fooled us with a landscape full of green and nature, but the scenery changed quickly: the sides of the road gradually started to become crowded with large shops: car dealers, distributors of construction materials, restaurants. An uninterrupted chain of businesses, until the capital, that definitely slows down traffic. All these shops anyway gave me the idea that they had absolutely no customers, and yet they were there: open.

The scene repeated in the city, at Pristina, an impressive quantity of shops of every type, from beauty centers to electronic stores, that seemed open and most of them without customers. I couldn’t understand why they opened those stores and how they were carrying on.

Pristina itself has a wild architecture: skyscrapers mixed with mosques mixed with cement barracks. Here too the tangles of electric wires camp everywhere. It was interesting to discover that the center is patroled by american soldiers, most of them twenty years old unaware guys and with the attitude “we’re saving the world”. Actually, from the little I know about the history of the country, I deduce that they’re kept there walking aroung by America as a warning, after Kosovo has been taken away from Serbia.

To notice, again about businesses, a particular obsession for car washes, seen everywhere, even in the most lonely countryside, but many abandoned long time ago. Also in Kosovo I’ve seen many unfinished and unused buildings. Food situation similar to Macedonia: fruits and vegetables ok and cheap, but a lot of processed food, zero fresh fish and meat mostly industrial. General level of trolling, anyway: extremely high.

Montenegro: according to the statistics the people of Montenegro are among the tallest in the world. Interestingly, as soon as we arrived in the first town in the more internal and mountainous area, we found that everybody did seem taller. We had a confirmation of it even later, looking around in the capital (Podgorica) and on the coast: for some reason montenegrin people are definitely tall.

After the extreme trolling we had by Albania, Macedonia and Kosovo, the feeling I had entering Montenegro has been of a -partial- return to normality. Even if actually I could have suspected it from the name, or do a minimum of research before, I found that Montenegro is almost entirely mountainous, and mountains that are very high. It’s already on the mountains that the quality of the food took a little step forward: in the supermarkets healthy products started to appear, until we reached the coast where finally also some fresh fish appeared (even if less frequently and less cheap that I was hoping).

There are beautiful places on the coast, obviously not those already spoiled by mass tourism like Kotor and Budva, but in general they gave me the impression of lacking character and being a bit “off”. Montenegro is another of those places that transmitted to me a general vibration of sleepiness.

Bosnia-Herzegovina: also in this country we just did a raid in the car of few hours. The area we drove through is one of those that particularly made me have the thought “look how much free land”. I’ve seen entire plateaus without the minimum trace of human presence.

Outside the towns, once again, I noticed the almost total absence of agricolture and animal farming. In the few fields that were farmed I’ve seen basically just tobacco, that I had noticed also in Greece.

Croatia: Croatia became a very popular touristic destination approximately twenty years ago, as it was cheap and with a beautiful sea. The impression I had from this trip is that the situation has changed a bit: the coast is still beautiful, but I fear that tourism eroded the charm of several places.

It’s in Dubrovnik, despite the gorgeous view that I took in my video, that I’ve seen the final phase, and the most extreme, of the effects of mass tourism: rows of clubs, restaurants “for tourists”, souvenir shops, and sleepwalker tourists wandering in the middle. Very far from my desire of seeing authentic places, but definitely interesting from an “anthropological” point of view, as commented by one of my friends.

From the few days I’ve spent there during this trip, Croatia transmitted to me a vibration similar to the one of Montenegro: beautiful, very beautiful in some places, but skimmed of the touristic buzz a little bit off, and lacking charisma.


Notes: I learned that the puppets hanging from the balconies of Albania are “dordolec” (scarecrows), that according to the popular belief protect the house, the family and the animals from evil eye and envy. -Article originally published in italian on October 31, 2016, this is its translation to english.-

Trollati dai Balcani

Ho passato buona parte degli ultimi due mesi in viaggio, di cui alcune settimane nei Balcani, che ho deciso di raccontare in questo articolo. A me e ai due amici con cui viaggiavo incuriosiva questa parte di Europa, che ci aspettavamo essere la più autentica e “diversa” rispetto all’ Europa con cui siamo familiari.

Non siamo certo rimasti insoddisfatti: il risultato è stato un viaggio molto interessante, anche se francamente ho visto alcuni tra i posti più assurdi della mia vita. In effetti spesso durante il viaggio scherzavamo dicendo di subire continuamente un trolling da parte dei Balcani, che ci presentavano davanti agli occhi degli scenari così strani e inspiegabili che rimanevamo incerti e con la sensazione “che cosa cavolo stiamo vedendo?”.

Questo è il video che ho prodotto, che contiene alcune delle cose viste nei paesi in cui sono stato: Albania, Grecia, Macedonia, Serbia, Kosovo, Montenegro, Bosnia-Erzegovina, Croazia.

Impressioni generali avute durante il viaggio

C’è una quantità impressionante di terreni inutilizzati in questi paesi, che non vengono coltivati né dati al pascolo. È sorprendente pensare che molte persone si uccidono per vivere in aree aride del medio oriente, mentre qui nei Balcani c’è così tanta terra fertile che nessuno utilizza. La poca agricoltura e pastorizia spesso si traducono in cibo di qualità che va da “ok” a “agghiacciante”.

Ho percepito una vibrazione generale di oblio e assopimento, mischiati a un certo disinteresse per l’ambiente e le persone intorno, che specie nei Balcani dell’entroterra producono quartieri pazzescamente disordinati, traffico caotico, file venditori di strada e di negozi che offrono tutti gli stessi prodotti (vuoti, e che non so come vadano avanti).

Nonostante qua e là ci siano delle chiese dalle proporzioni deliziose, alcune delle quali appaiono in questo video, manca tantissimo il senso dell’ estetica e dell’arte. La differenza, per me che vengo dall’Italia, è davvero drammatica. Ho visto intere città in cui l’idea di abbellire un quartiere con una fontana o un giardino sembra non essere mai stata presa in considerazione.

In compenso le persone mi sono sembrate ovunque piuttosto amichevoli, e tutti questi paesi mi hanno dato l’impressione di essere sicuri, in cui crimini di strada e rapine sono eventi poco comuni. Inoltre, anche se attualmente proprio non vorrei viverci stabilmente, nei Balcani ci ho visto tanto potenziale: chissà come si trasformeranno in futuro?

Impressioni specifiche sui singoli paesi

Albania: un paese tanto, ma tanto strano. La cosa più inspiegabile sono le migliaia (tante migliaia) di edifici incompiuti sparsi ovunque, costruiti senza alcun criterio. Non credo esista il concetto di piano regolatore in Albania. Vedi un grattacielo di trenta piani senza finestre -abbandonato- accanto a un distributore di benzina -abbandonato- accanto a cinque palazzetti multicolor a schiera diroccati -abbandonati-, accanto a una villa stile impero romano senza finestre -abbandonata-.

Ci sono moschee sparse qua e là nelle aree industriali, nelle campagne, sui monti, che è difficile immaginare che vengano mai raggiunte da qualcuno. Nelle campagne vedi bunker di cemento, scheletri di case che potrebbero essere abitate, ma con pupazzi di stoffa impiccati a una corda e penzolanti dai balconi. Nelle aree rurali si utilizzano molto gli asini per trasportare i materiali, di taglia piccola, come mini-asini. Nelle città, a sorpresa, le automobili sono piuttosto di alto livello, credo infatti di aver visto molti più suv a Durazzo e Tirana che a Roma.

Tra i migliori troll subiti dall’Albania: vedere due uomini giocare a carte su un tavolino improvvisato, vicino al bordo di un’autostrada e sotto il sole, nel mezzo assoluto del nulla e lontanissimi da qualunque paese o città, che ti chiedi: a) come hanno fatto ad arrivare lì che non sembrano avere la macchina b) ma perché sono lì c) perché stanno giocando a carte a un metro dal bordo strada, a rischio di essere travolti da un camion. Almeno mettetevi un po’ più scostati e all’ombra!

Grecia: in questo viaggio abbiamo visitato solo la parte nord della Grecia, che mi è sembrata depopolata e con un paesaggio piuttosto asciutto. Le città in cui sono stato, ad esempio Ioannina e Kastoria, mi hanno lasciato l’impressione di assopimento di cui scrivevo sopra, di non possedere carisma. Salonicco, molto più grande, è senz’altro più animata, ma troppo turistica e caotica per i miei gusti.

Una cosa che mi ha un po’ sorpreso è che dovunque, soprattutto nei paesini meno conosciuti e più isolati, non sembrano esserci edifici antichi. Io sono abituato ai paesini pittoreschi dell’Italia, pieni di castelli, torri, costruzioni in pietra e dall’aspetto medievale. Nel nord della Grecia invece non ho visto nessun paese che tradisse una lunga storia. Molti piccoli paesi sono semplicemente gruppi di case dall’aspetto che definirei “normale”: con facciate in cemento, costruiti di recente. E le case antiche dove sono andate a finire?

Sorprendentemente, almeno per quanto mi aspettavo considerando i precedenti viaggi ad Atene, non è stato facile trovare cibo di qualità nel nord della Grecia. Nei supermercati c’era una predominanza di alimenti processati, e poco pesce fresco. Anche trovare un ristorante dove consumare un vero pasto è stato difficile. Ad Ioannina ad esempio sembra esserci solo una marea di caffè-bar, dove servono bevande e snack, ma pochissimi ristoranti.

Misteri: nelle campagne abbiamo notato qua e là piccoli campi di tabacco e di cotone. Che senso ha avere produzioni così piccole? Il tabacco magari viene rivenduto di contrabbando, ma il cotone? Un altro mistero è il numero esagerato di farmacie. In un paesino con piccolissima popolazione ne abbiamo contate cinque, quasi una accanto all’altra.

Macedonia: dopo l’intervallo di “normalità” nel nord della Grecia, che è comunque vicina all’Europa con cui sono familiare, il trolling è entrato nel vivo in Macedonia. È qui che ho visto alcune tra le scene più strane dei Balcani.

La maniera assurda di indirizzare i cavi elettrici negli edifici, di cui avevo comunque avuto già un assaggio in Albania: grossi grumi di cavi appesi in cima ai pali, da cui partono ragnatele in tutte le direzioni. Mi chiedo: se c’è un guasto ad uno dei cavi, come fa l’operaio a individuarlo in quel casino? Di nuovo ho visto tanti edifici incompiuti ed inutilizzati (ma non tanti quanti in Albania) e un’architettura dallo stile incredibilmente disomogeneo.

Una cosa curiosa è che più volte ho osservato le persone cercando di individuare quali fossero i tratti tipici della gente della Macedonia, e non ci sono riuscito affatto. In Albania, ad esempio, avevo trovato un certo schema ricorrente nelle strutture facciali. In Macedonia invece sono stato in un paio di città in cui, per quanto mi sforzassi, non c’è stato verso, finché mi sono dovuto arrendere all’evidenza: tutti sembravano avere tratti completamente diversi da tutti.

In Macedonia ho visto uno dei livelli più alti di oblio rispetto all’estetica (rimarrà alla storia la visita in una galleria d’arte contenente poster “artistici” che ho commentato -pure con arroganza- di poter scarabocchiare anch’io con la penna, magari mentre sono al telefono a chiacchierare) e al “concetto” di cibo. La qualità di frutta e verdura mi è sembrata ok, il problema è stato reperire le proteine: mancanza di pesce fresco ovunque (comunque giustificabile per un paese dell’entroterra) e soprattutto di carne di buona qualità (c’è tantissima carne processata e prevalentemente di maiale). Non ho mai notato cibo biologico nei supermercati in cui sono entrato.

Serbia: della Serbia ho visto pochissimo, abbiamo appena fatto un’incursione di qualche ora in macchina, nel sud, incontrando qualche villaggio piccolissimo sulla strada e fino a raggiungere la cittadina di Vranje, che ha molto vagamente l’aspetto di una cittadina di montagna del nord Italia. Non ho visto abbastanza comunque per poter notare particolari differenze rispetto ai paesi confinanti dei Balcani.

Kosovo: siamo entrati dal sud del paese e abbiamo guidato lungo tutto lo stradone che conduce alla capitale, Pristina. Inizialmente il Kosovo ci ha illusi con un paesaggio pieno di verde e natura, ma lo scenario si è velocemente trasformato: i bordi della strada hanno cominciato a popolarsi di negozi di grandi dimensioni: rivenditori di automobili, rivenditori di materiale edile, ristoranti. Una catena ininterrotta di attività commerciali, fino alla capitale, che rallenta decisamente il traffico. Tutti questi negozi mi davano comunque l’idea di non avere assolutamente clienti, eppure erano lì: aperti.

La scena si è ripetuta in città, a Pristina: una quantità impressionante di negozi di qualunque tipo, da centri estetici a rivenditori di elettronica, che sembravano sempre e per la maggior parte senza clienti. Non mi spiegavo perché li avessero aperti e come andassero avanti.

Pristina stessa ha un’architettura selvaggia: grattacieli mischiati a moschee mischiate a caserme di cemento. Anche qui i grumi di cavi elettrici campeggiano ovunque. È stato interessante scoprire che il centro è pattugliato da soldati americani, per lo più ragazzi ventenni inconsapevoli e con l’attitudine “stiamo salvando il mondo”. In realtà, dal poco che so della storia del paese, deduco che vengano tenuti lì a passeggiare dall’America come monito, dopo che il Kosovo è stato sottratto alla Serbia.

Da segnalare, ancora riguardo le attività commerciali, una particolare ossessione per gli autolavaggi, visti ovunque, anche nelle campagne più sperdute, ma di cui molti abbandonati da tempo. Anche in Kosovo ho visto molti edifici incompiuti e inutilizzati. Situazione cibo simile alla Macedonia: frutta e verdura ok ed economiche, ma tantissimo cibo processato, zero pesce fresco e carne per lo più industriale. Livello di trolling generale, comunque: altissimo.

Montenegro: secondo le statistiche la popolazione del Montenegro è tra le più alte del mondo. Curiosamente, appena arrivati nel primo paesino della zona più interna e montagnosa, abbiamo constatato subito che davvero tutti sembravano più alti. Ne abbiamo avuto conferma anche in seguito, guardandoci intorno nella capitale (Podgorica) e nelle zone costiere: per qualche motivo la popolazione montenegrina è decisamente alta.

Dopo il trolling estremo subito da Albania, Macedonia e Kosovo, la sensazione che ho avuto entrando in Montenegro è stata di un -parziale- ritorno alla normalità. Anche se in effetti avrei potuto sospettarlo dal nome, o fare un minimo di ricerca prima, ho scoperto che il Montenegro è quasi totalmente montagnoso, e montagne anche molto alte. È gia sulle montagne che la qualità del cibo ha fatto un piccolo passo avanti: nei supermercati si cominciavano a trovare prodotti salutari, fino ad arrivare alle coste dove è finalmente apparso un po’ di pesce fresco (seppure meno di frequente e meno economico di quanto si sperava).

Ci sono dei bei posti sulla costa, ovviamente non quelli ormai già rovinati dal turismo di massa come Cattaro e Budua, ma in generale mi hanno dato la sensazione di mancare carattere e di essere un po’ “spenti”. Il Montenegro è un’altro di quei posti che mi ha trasmesso una vibrazione generale di assopimento.

Bosnia-Erzegovina: anche in questo paese abbiamo fatto solo un’incursione in macchina di qualche ora. L’area che abbiamo attraversato è proprio una di quelle che maggiormente mi ha fatto venire il pensiero “guarda quanta terra libera”. Ho visto interi altipiani senza la minima traccia di presenza umana.

Fuori dalle cittadine, ancora una volta, ho notato la quasi totale assenza di agricoltura e pastorizia. Nei pochi campi coltivati ho visto più che altro il tabacco, che avevo notato spesso anche in Grecia.

Croazia: la Croazia era diventata una destinazione turistica molto popolare circa venti anni fa, perché economica e con un mare molto bello. L’impressione che ho avuto in questo viaggio è che la situazione sia un po’ cambiata: la costa è ancora bellissima, ma temo che il turismo abbia eroso il fascino di diversi posti.

È a Ragusa, nonostante il bellissimo panorama che ho ripreso nel mio video, che ho visto la fase finale, e più estrema, degli effetti del turismo di massa: file di club, ristoranti “per turisti”, negozi di souvenir, e turisti sonnambuli a girovagare nel mezzo. Ben distante dal mio desiderio di vedere luoghi autentici, ma decisamente interessante da vedere dal punto di vista “antropologico”, come ha commentato uno dei miei amici.

Dai pochi giorni che ci ho trascorso in questo viaggio, la Croazia mi ha trasmesso una vibrazione simile a quella del Montenegro: bella, bellissima in alcuni punti, ma al netto del ronzio turistico un pochino spenta, e carente carisma.


Note: ho appreso che i pupazzi appesi ai balconi dell’Albania sono dei “dordolec” (spaventapasseri), che secondo la credenza popolare servono a proteggere la casa, la famiglia e gli animali dal malocchio e dall’invidia.

Inside an intensive pig farm

Few days ago I visited an intensive pig farm in the region of Catalunya, Spain. I’ve had the desire to go inside one of these farms for awhile, and for a series of coincidences it finally happened. As many people I had seen the videos in internet, showing animals that live in horrible conditions, but I really wanted to see with my eyes.

I made this short video, hopefully it will contribute to raise awareness about what’s behind the production of the meat available in the supermarkets.

Sveltina col cactus

In una delle mie passeggiate senza meta a Barcellona, recentemente ho scoperto questo bel giardino chiamato Mossèn Costa i Llobera, dalle parti di Poble Sec. Tutto andava bene, finché tutto quel turgore vegetale mi ha fatto nascere nella testa delle strane voci.