What is real love?

Lately I see often these two faces in the gym, on the tv screens placed in front of the treadmills. They are famous singers, with huge fan bases of teenagers, who sing “love” songs of great success.

singers-love-songsWhile I warm up I take a look at their videoclips, that are proposed continuously on the music channels. To be honest I don’t even hear well the words they sing (there is other music in the room), but still the images are enough to cause me an unmistakable feeling of… irritation. Yes, irritation.

Why? What did these poor guys do to me?

You can understand it well by looking at these two snapshots of those videoclips, in which I captured the typical expression of the singer who is popular among teenagers today. If you think about it for a moment, it’s the expression of someone who, rather than singing, is trying to give birth to a watermelon from the ass. I found the lyrics of the songs I am talking about to get sure I didn’t misunderstand. You never know, maybe they were actually singing songs about watermelons? No, I understood well instead: these guys are supposedly talking about “love” in their songs.

But what kind of love? To understand it, it’s sufficient to look them in their face: a dramatic love, a total one, paramount, breathtaking, painful. In fact they sing this love with the attitude and the gestures typical of someone who suffers. And it’s true that television elicits a reaction in the audience: in a moment of consciousness I realized that I was watching those videoclips putting up, in reaction, a frowny face.

It’s in that moments that I realized what causes my irritation: the fact that the bands pumped by the modern music industry promote and deliver to the teenagers (and unfortunately also to many adults) this completely dumb concept of love. Dumb because it’s uselessly dramatic.

I mean, why should a love relationship be all this drama? Why should it be this sort of “turbulent storm”, that overwhelmes you and distracts you from everything else? Why, when you’re with your girlfriend, she must become your reason for living? Why, if she leaves you, you must be desperate? Why should your happiness and fulfillment depend so much on her? Why can’t you carry on alone? This is B.S.! This misconception of love, that unfortunately today is proposed massively also in the movies and in the books, is the foundation of a lot of disfunctional “love” relationships.

On a personal level, it promotes the non-sovereignity on your own life, encouraging and amplifying the dumb idea that happiness must be searched mainly outside of yourself, that it makes sense to depend so much, too much, on another person. On a relationship level, it gives birth to a series of consequent dramas: insecurities, jealousy, possess, skirmishes if the girlfriend cheats on you, depression if she leaves you, and so on.

I was talking about this some days ago with a friend, who recently started a relationship with a woman. My friend was telling me, quite worried, how she realized that this woman is jealous and possessive, as she found her checking her phone and following her movements. And we are talking about over-30 women here. My reaction was determined: dump her n-o-w. How the heck can someone reach the 30s and still be so insecure to be jealous? How can someone reach adulthood and still waste time with these behaviours?

Then I thought about the suffering singers that I watch in the videoclips in the gym and I made the connection: here we have peple, a lot of people, who unfurtunately takes for valid that dramatic and problematic version of the love relationship.

I watch those guys on the tv screens and label them as “drama queens”, a lot of people instead believe that their fake version of love is real love, and consequently tend to re-create all that drama in their own relationships. If there are no problems, they’ll work to create them, for example spying on the partner’s phone, looking for evidence of cheating. And as we know, he who looks for something usually finds something. This happens at 15, at 30, even at 50 years of age. Some people continue the hunt for drama in their relationships their entire life.

So, it’s true that love is beautiful, and that it’s perfectly comprehensible that when you’re in a relationship you shift the attention a little bit outside of yourself, but there is a treshold after which this idea of “turbulent and dramatic” love proposed by the media, delivered on the suffering faces of these singers passionate of watermelon, becomes really dumb and superficial, and especially generates problems.

The first problem is that they’re promoting an incomplete concept of love. They’re putting so much emphasis on the romantic love, the love in a couple, that the resulting message is that the romantic love is all the love. It is not, the love in a couple is only a part of real love. Real love is huge, it’s immense and various, it’s the love for life and the universe. We love our grandparents, we love the work we do, our friends, our parents and siblings, the people we don’t know that we meet in the street, the animals, the plants. All these types of love together make the real love. The love between boyfriend and girlfriend is only a subset of real love. This is the reason why treating it as if it were total and absolute is a misconception, a dumb idea that usually leads to drama.

Second, even considering only this partial love, the love in a coule, it’s absolutely ridiculous to conceive it as dependency, suffering and pain. Love is the one that rises between two people, who are already complete and happy singularly, who resonate when they are together, and are even happier. They laugh, help each other, offer support to each other, have compassion, they walk together a part of the road of life together. More than anything else, they feel joy. Love is not what rises between two derelicts who are contastly in pain, looking for someone who can give them a reason for living!

Just in these days I’ve read the prophet by Kahlil Gibran, in which I really like the description of love. Reading this book I thought “this, this is real love! Not that painful drama that I see on the screens in the gym!“. This is what Gibran writes on love relationships:

Let there be spaces in your togetherness,
and let the winds of the heavens dance between you.
Love one another, but make not a bond of love:
let it rather be a moving sea between the shores of your souls.
Fill each other's cup but drink not from one cup.
Give one another of your bread but eat not from the same loaf.

Sing and dance together and be joyous, but let each one of you be alone,
even as the strings of a lute are alone though they quiver with the same music. 
Give your hearts, but not into each other's keeping.
For only the hand of Life can contain your hearts.
And stand together yet not too near together:
For the pillars of the temple stand apart,
And the oak tree and the cypress grow not in each other's shadow

I like these words a lot. I completely agree: real love is the one between the strings of a lute, separated one from the other, that quiver with the same music.

A beautiful (and a bit scary!) spider

This morning I met this interesting and unusual spider in the garden, bright yellow, and with a HUGE abdomen. I got very close to film it, I don’t know if it was a risky move… maybe -since it’s so big- it’s also poisonous to humans if it bits? Anyway, I identified it as a marbled orb-weaver, the technical name should be araneus marmoreus var. pyramidatus. First time I see one of these, it’s a cool spider!

old videos – da caricare

Pieris Rapae eggs

pieris-rapae-eggsThe epic battle between team De Santis (my father and I) and team Pieris Rapae (the butterflies that everyday try to lay their eggs on our broccoli plants) is still very much in progress.

Every time we are in the countryside, we monitor the plants as there are always some white butterflies flying around the garden, lying their eggs on the inferior pages of the broccoli leaves. We remove the eggs, or the caterpillars that would hatch from them will devour the plants! Today I took a very close picture of the eggs. Look how interesting they are. It’s a pity we have to remove them, but unfortunately only one team will eat the broccoli… and we want to be it!

Cos’è il vero amore?

Ultimamente vedo spesso queste due facce in palestra, sugli schermi televisivi piazzati davanti ai tapis roulant. Si tratta di cantanti famosi, con stuoli enormi di ragazzine adoranti, che cantano canzoni d’ “amore” di grande successo.

cantanti-bimbiminkiaMentre faccio riscaldamento butto un occhio ai loro videoclip, che vengono proposti in continuazione sulle tv musicali. Per la verità non sento nemmeno bene le parole che cantano (c’è altra musica in sala), eppure le immagini bastano a farmi salire un inequivocabile senso di… irritazione. Già, proprio irritazione.

Perché? Che mi hanno fatto di male questi poveri ragazzi?

Lo potrete capire bene guardando questi due fotogrammi di tali videoclip, in cui ho catturato l’espressione tipica del cantante famoso tra i giovani oggi. Se ci pensate un attimo, è l’espressione di chi, più che cantare, sta cercando di partorire un cocomero dal culo. Ho recuperato i testi delle canzoni in questione per assicurarmi di non aver frainteso. Hai visto mai stessero cantando proprio delle canzoni sui cocomeri? No, invece avevo intuito bene: questi ragazzi parlano effettivamente d’ “amore” nelle loro canzoni.

Ma amore di che tipo? Basta guardarli in faccia per capirlo: un amore drammatico, totale, sconvolgente, fondamentale, trascinante, doloroso. E infatti lo cantano con l’attitudine e la gestualità tipica di chi soffre. Ed è proprio vero che la televisione sollecita una reazione nello spettatore: in un momento di consapevolezza mi sono accorto che io stesso osservavo quei videoclip mettendo su, in reazione, un’espressione preoccupata aggrottando la fronte.

E’ in quel momento che ho realizzato cosa mi causa l’irritazione: il fatto che i gruppi musicali pompati dall’industria musicale moderna promuovano e inculchino nei ragazzini (e purtroppo anche in molti adulti) questa concezione completamente sciocca dell’amore. Sciocca perché inutilmente drammatica.

Insomma, dove sta scritto che una relazione d’amore debba essere tutto questo dramma? Che debba essere questa sorta di “tempesta sconvolgente”, che ti travolge e ti distrae da tutto il resto? Dove sta scritto che quando sei in coppia con una ragazza, questa debba diventare la tua ragione di vita? Che se ti lascia devi disperarti? Che la tua felicità e realizzazione dipendono cosi tanto da lei? Che da solo non puoi andare avanti? Queste sono tutte fesserie! Questa misconcezione dell’ amore, che purtroppo oggi è proposta massicciamente anche nei film e nei libri, è alla base di un sacco di relazioni d’ “amore” disfunzionali.

A livello personale, promuove la non-sovranità sulla propria vita, incoraggiando e amplificando la malsana idea che la felicità vada ricercata principalmente al di fuori di sé, che sia sensato dipendere così tanto, così troppo, da un’altra persona. A livello di coppia, fa nascere tutta la serie di drammi conseguenti: insicurezze, gelosie, possesso, litigi se la ragazza ti mette le corna, depressione se ti lascia, e via dicendo.

Ne parlavo proprio qualche giorno fa con un’amica, che ha recentemente iniziato una ralazione sentimentale con una ragazza. La mia amica mi raccontava, abbastanza inquietata, di come si sia accorta di quanto questa ragazza sia gelosa e possessiva, essendo arrivata perfino a controllare i suoi spostamenti e sbirciarle il telefono di nascosto. E qua parliamo di ultra-trentenni. La mia reazione è stata categorica: mollala su-bi-to! Ma come si fa ad arrivare a trent’anni ed essere ancora cosi insicuri da essere gelosi? Come si fa ad arrivare all’età adulta e perdere ancora tempo in questi giochetti?

Poi ho ripensato ai cantanti che vedo contorcersi nei videoclip della palestra e ho collegato: qua c’è gente, tanta, che purtroppo quella versione drammatica e problematica della relazione di coppia se la beve.

Io quei ragazzi sugli schermi li guardo e li classifico come “bimbiminkia”, molta gente invece quella versione farlocca dell’amore la scambia per amore vero, e tende a ricreare tutto quel dramma nelle proprie relazioni. Se non ci sono problemi, li vanno a creare per poi gustarsi il dramma, ad esempio spiando gli spostamenti e il cellulare della fidanzata cercando prove di tradimenti. E come dice il vecchio adagio, chi cerca trova. Questo succede a 15, a 30, a 50 anni perfino. Alcuni continuano la caccia al dramma nelle proprie relazioni per tutta la vita.

Allora, premesso che essere innamorati è bellissimo, che è perfettamente comprensibile che quando si sta in coppia il centro dell’attenzione si sposta un po’ al di fuori di se stessi, esiste una soglia a partire da cui questa idea di amore “tumultuoso e drammatico” proposta dai media, e distribuita sulle espressioni sofferenti di tutti questi cantanti appassionati di cocomero, diventa veramente sciocca e superficiale, e soprattutto genera problemi.

Il primo problema è che si promuove una concezione incompleta dell’amore. Si pone talmente tanta enfasi sull’amore di coppia, che passa l’idea che esso sia tutto l’amore. Invece no, l’amore di coppia è solo una parte dell’amore vero. L’amore vero è grandissimo, è immenso e vario, è l’amore per la vita e per tutto l’universo. Si amano i nonni, si ama il lavoro che si fa, si amano gli amici, si amano i genitori e i fratelli, si amano gli sconosciuti, si amano gli animali, si amano le piante. Tutti questi amori insieme sono l’amore vero. L’amore tra fidanzati è solo un sottoinsieme dell’amore vero. E’ per questo che trattarlo come totale e assoluto è una mistificazione, un’idea sciocca che spesso porta a drammi.

Secondo, anche considerando solo questo amore parziale, cioè quello di coppia, è assolutamente ridicolo concepirlo come dipendenza, sofferenza e dolore. L’amore è quello che si crea tra due persone, già complete e felici singolarmente, che quando sono insieme risuonano tra loro e sono ancora più felici. Ridono, si aiutano, si offrono supporto, hanno compassione l’uno per l’altra, percorrono un tratto del sentiero della vita insieme. Soprattutto, provano gioia. L’amore non è quello tra due catorci perennemente addolorati, che cercano qualcuno che dia un senso alla loro vita!

Proprio in questi giorni ho letto il profeta di Kahlil Gibran, in cui mi ha colpito molto il modo in cui viene descritto l’amore. Leggendo questo libro ho pensato “ecco, questo è l’amore vero! Non quella fesseria addolorata che vedo sugli schermi della palestra!“. Queste è quello che scrive Gibran sulla relazione d’amore:

Vi sia spazio nella vostra unità, e tra voi danzino i venti dei cieli.
Amatevi l'un con l'altra, ma non fatene una prigione d'amore: 
piuttosto vi sia tra le rive delle vostre anime un moto di mare.
Riempitevi a vicenda le coppe, ma non bevete da una coppa sola.
Datevi cibo a vicenda, ma non mangiate dello stesso pane.

Cantate e danzate insieme e siate giocondi, ma ognuno di voi sia solo,
come sole sono le corde del liuto, sebbene vibrino di una musica uguale.
Datevi il cuore, ma l'uno non sia rifugio all'altro.
Poiché soltanto la mano della Vita può contenere i vostri cuori.
Ergetevi insieme, ma non troppo vicini:
poiché il tempio ha colonne distanti,
e la quercia e il cipresso non crescono l'una all'ombra dell'altro.

Mi piacciono tantissimo queste parole. Io sono completamente d’accordo: l’amore vero è quello tra le corde del liuto, separate una dall’altra, che vibrano della stessa musica.

Riso integrale VS riso bianco

Il riso integrale è il riso come viene naturalmente dalla pianta. Il chicco è completo, composto da tre parti: germe (il punto dove il chicco germoglia), crusca (l’involucro esteriore), endosperma (la parte bianca interna, che la nuova pianta inizialmente usa come carburante per crescere). Il riso bianco è il riso risultante dall’elaborazione industriale. Il chicco è incompleto, perché il germe e la crusca vengono rimossi. Solo l’endosperma rimane.
Il riso integrale è un cibo vivo. Se metti un chicco in acqua, germoglierà. Il riso bianco è un cibo morto. Se metti un chicco in acqua, non succederà niente.
Il riso integrale richiede più tempo per cuocere, perché la presenza della crusca rende il chicco più duro. Il riso bianco è stato creato per ragioni di “convenienza”: una di queste è che richiede meno tempo per cuocere, perché senza la crusca il chicco è più morbido.
La presenza della crusca ha un effetto importante nel riso integrale. Siccome contiene fibra, rallenta l’assorbimento di zucchero nel sangue, che viene rilasciato più gradualmente e per un tempo più lungo.Risultato: ti senti pieno più a lungo, e hai un miglior controllo del tuo appetito. Il riso bianco è stato creato anche perché è più palatabile. Senza fibra, appena lo mangi lo zucchero è immediatamente rilasciato nel tuo sangue, dandoti “piacere”. Ma paghi un prezzo alto per questo piacere: il picco nel tuo livello di zucchero nel sangue sarà compensato da un livello molto basso più tardi.Risultato: avrai poca energia, e presto sentirai di nuovo fame.
Il riso integrale è un cibo denso di nutrienti. Insieme con i carboidrati contenuti nell’endosperma, ottieni anche minerali, vitamine, grassi buoni, fibra, tutti provenienti dalle altre due parti: germe e crusca. Il riso bianco è un cibo a calorie vuote. Essenzialmente, ti dà solo i carboidrati puri contenuti nell’endosperma, niente più. Quindi il riso bianco è calorico, ma non nutriente.

Questo semplice confronto riso integrale vs riso bianco lo rende evidente:

il riso integrale è la forma di riso più salutare. E’ nutritivo e rappresenta una strategia di lungo termine per avere più energia.

il riso bianco è un cibo non salutare. E’ non nutritivo e rappresenta una strategia di breve termine: è una libidine nel momento in cui lo mangi, ma è anche un insidioso ammazza-energia.

Fai la tua scelta!


Note: Aggiornato 6 nov 2014 con foto di migliore qualità.

Relativi: Densità di nutrienti, Come il tuo corpo usa i diversi nutrienti