How your body uses the different nutrients

Here is how your body uses the macronutrients (those needed in larger quantities):

Proteins are used to build the structures, like muscles, nails, hair. These structures give a “shape” to your body, this is the reason why many bodybuilders stress the importance of eating high-protein foods. Some healthy sources of proteins are: legumes, quinoa, fish, eggs, tempeh, unsweetened organic yogurt, unprocessed organic meat.
Carbohydrates are used for energy, which allows your body to move. It’s a good strategy to get carbohydrates in the meals that precede physical exercise (think to athletes who eat a piece of fruit half an hour before performing). Some healthy sources of carbohydrates are: brown rice, fruits and vegetables, raw organic honey, amaranth, sweet potatoes.
Fats are used to build protective layers around organs, to digest fat-soluble vitamins, and as stored energy. It’s an old myth that “fats make you fat”: it’s processed junk foods that make you fat, instead. Fats are vital for your body. Some healthy sources of fats are: extra-virgin olive oil, coconut oil, avocado, nuts like walnuts, hazelnuts, almonds, peanuts.

And here is how your body uses the micronutrients (those needed in smaller quantities -but still necessary-):

Vitamins are used for many vital functions, for example they help metabolism, act as antioxidants, regulate cell and tissue growth. It’s important to note that many vitamins are sensitive to heat, so people who sistematically cook their meals at high temperatures (boiling, frying…) “kill” the vitamins and end up with a vitamin-deficient diet.
Minerals are used to build that part of your body which is actually mineral, like bones and teeth, that are made of calcium. They are also employed in many other important processes, for example magnesium supports protein synthesis, sodium controls muscle contraction and nerve function, iron makes hemoglobin in red blood cells that carry oxygen in the body.

Finally, even if sometimes they’re not technically labeled as nutrients or not included in the previous groups, here is how your body uses three other elements of your diet of vital importance:

Fiber is the part of the plants which is not digested in your body, -so it actually survives the entire transit in the intestines-, but it is used to make the feces more airy, soft, so they flow through the intestines easily. Fiber prevents constipation and diarrhea, and it is particularly abundant in the skin of many fruits and vegetables, and in the bran of whole grains.
Phytochemicals, the compounds in fruits and vegetables that are responsible for their organolectic properties (like color and smell), may have a huge number of healthy benefits. Most studies are still cautious, but I “guess” that in the future they will clearly show a strong correlation between phytochemicals and good health / disease prevention. Phytochemicals are very abundant in bright colored vegetables and fruits.
Water makes a significant fraction of the human body (variable from 55% to 75%), and it serves a number of important functions, for example: it regulates body temperature by sweating and respiration, lubricates joints, flushes waste in urine, keeps membranes moist, forms saliva, acts as a carrier to distribute essential nutrients to the cells.

Notes: For simplicity I grouped minerals all together in the micronutrients group, however sometimes a separation is made among microminerals (or “trace minerals”) and macrominerals.

Related: Density of nutrients

Come il tuo corpo usa i diversi nutrienti

Ecco come il tuo corpo usa i macronutrienti (quelli necessari in quantità maggiori):

Proteine: sono usate per costruire le strutture, come muscoli, unghie, capelli. Queste strutture danno una “forma” al tuo corpo, questo è il motivo per cui molti bodybuilders sottolineano l’importanza di mangiare cibi proteici. Alcune fonti salutari di proteine sono: legumi, quinoa, pesce, uova, tempeh, yogurt intero non zuccherato, carne non processata.
Carboidrati: sono usati per l’energia, che permette al tuo corpo di muoversi. È una buona strategia assumere carboidrati nei pasti che precedono l’esercizio fisico (pensa agli atleti che mangiano un pezzo di frutta mezz’ora prima di gareggiare). Alcune fonti salutari di carboidrati sono: riso integrale, frutta e verdura, miele crudo, amaranto, patate dolci.
Grassi: sono usati per costruire strati protettivi intorno agli organi, per digerire vitamine lipo-solubili, e come energia immagazzinata. È un vecchio mito che “i grassi ti fanno ingrassare”: è il cibo spazzatura industriale che ti fa ingrassare, invece. I grassi sono vitali per il tuo corpo. Alcune fonti salutari di grassi sono: olio d’olia extra-vergine, olio di cocco, avocado, noci, nocciole, mandorle, noccioline.

Ed ecco come il tuo corpo usa i micronutrienti (quelli necessari in quantità minori -ma comunque necessari-):

Vitamine: sono usate per molte funzioni vitali, aiutano il metabolismo, funzionano da antiossidanti, regolano la crescita di cellule e tessuti. È importante notare che molte vitamine sono sensibili al calore, quindi le persone che sistematicamente cucinano i loro pasti ad alte temperature (bollendo, friggendo…) “uccidono” le vitamine e si ritrovano con una dieta deficiente di vitamine.
Minerali: sono usati per costruire quella parte del tuo corpo che è effettivamente minerale, come ossa e denti, che sono fatti di calcio. Sono anche impiegati in molti altri processi importanti, per esempio il magnesio supporta la sintesi delle proteine, il sodio controlla la contrazione dei muscoli e le funzioni dei nervi, il ferro produce l’emoglobina nei globuli rossi che trasportano ossigeno nel corpo.

Infine, anche se a volte non sono tecnicamente etichettati come nutrienti o non inclusi nei gruppi precedenti, ecco come il tuo corpo usa altri tre elementi della tua dieta di vitale importanza:

Fibra: è la parte delle piante che non è digerita nel tuo corpo, -quindi effettivamente sopravvive all’intero transito nell’intestino-, ma è usata per rendere le feci più ariose, morbide, così che passino nell’intestino facilmente. La fibra previene stitichezza e diarrea, ed è particolarmente abbondante nella pelle di molta frutta e verdura, e nella crusca dei cereali integrali.
Fitochimici, i composti nei frutti e verdure che sono responsabili delle loro proprietà organolettiche (come colore e odore), potrebbero avere un enorme numero di effetti benefici. Molti studi sono ancora cauti, ma io “scommetto” che in futuro mostreranno chiaramente una forte correlazione tra fitochimici e buona salute / prevenzione delle malattie. I fitochimici sono molto abbondanti nella frutta e verdura dai colori accesi.
Acqua: costituisce una frazione significativa del corpo umano (variabile dal 55% al 75%), ed ha un numero di funzioni importanti, per esempio: regola la temperatura del corpo nella sudorazione e respirazione, lubrifica le giunture, scarica i rifiuti nell’urina, mantiene umide le membrane, forma la saliva, funziona da mezzo di trasporto per distribuire nutrienti essenziali alle cellule.

Note: Per semplicità ho riunito i minerali insieme nel gruppo dei micronutrienti, nonostante ciò a volte viene fatta una separazione tra microminerali (o “microelementi”) e macrominerali.

Relativi: Densità di nutrienti

Cellar spider eggs

It seems like it’s reproductive period for cellar spiders: yesterday I found two mama spiders on the ceiling in my house in the countryside, each holding a ball of eggs. Very fascinating. I took these close pictures that came out very good.

cellar-spider-eggs-1 cellar-spider-eggs-2 cellar-spider-eggs-3 cellar-spider-eggs-4 cellar-spider-eggs-5Today, the situation for the first spider (yellow background) is the same, she’s still up there holding her eggs. The other one instead has released her offspring during the night, and now the baby spiders are all around in a small constellation.

The function of labor

The function of labor has changed profoundly in modern times: today it’s not about producing resources anymore, but rather about controlling the access to the resources. Incredibly, it seems like many people still have not noticed it.

funzione-del-lavoro-copertinaUnproductive labor

Every day a river of employees plunges into the traffic, and then they lock themselves 8 and more hours in the office… but practically they’re not producing anything. A minimal part of these workers, sure, really produces useful resources. Maybe they create innovative technological applications, or do research in the science field or nutrition field.

But unfortunately this minimal part is overshadowed, crushed by an enormous mass of employees who, in hours of fluff in front of the computers, doesn’t produce any concrete value for the society. I’ve also been part of this mass, and currently many of my relatives and friends are part of it, so I know well the feeling of “not having produced anything” and the end of a day in the office.

Why does this happen? Are the workers the cause, who are too lazy and demotivated, and who therefore in many hours of labor don’t produce anything worth noticing? Actually, just in minimal part. The main cause of the unproductivity are not the workers, but labor itself: it’s conceived bad, and even more importantly it’s not needed.

Labor is conceived bad

On the fact that the modern labor is conceived bad I’ve written already, so here I’ll be very brief.

The problem is that we insist in using a model of labor from the industrial age, obsolete, that was valid in the past, when an employee who was assigned to work at the lathe for 8 hours moving a handle, was really spending 8 hours moving the handle. But this model is still in use today, and applied to the intellectual labor, of concept, it doesn’t work. I will never repeat enough that the idea of carrying on intellectual labor for 8 and more hours a day is unrealistic.

There is the stubbornness to bind labor to the time that the worker actually spends working, like if the customers who buy a good/service would care about how many hours it was necessary to work to produce it. This bond doesn’t make a lot of sense, for a growing number of jobs. What makes sense, instead, is to bind labor to the value that is created and delivered to the customers.

Labor is not needed anymore

But there’s something even more interesting: the fact that labor is unproductive, actually, is not a problem. I know that this statement seems counterintuitive, but we need to consider that we reached a point, in history, where we don’t need to increase the production of resources, because there are already resources for everybody. As a matter of fact, there are definitely too many.

For example in terms of food. Currently we’re over 7 billion people on the planet, but we produce food to feed 12 billion. So we produce too much food and we throw it away, but we’re able anyway, in the meanwhile, to leave millions of people die of starvation (in Africa and other poor countries). The waste of the resource food has been put in numbers by a report published few years ago, that highlighted how a percentage between the 30 and 50% of the food produced on the planet never reaches a human stomach. And without consulting the numbers, we see it well in our houses and in the supermarkets: a lot of food is thrown away, too much.

And what can we say about the food for the mind? Even of this there is a lot, infinitely more than the amount that the current society seems to desire. The shelves of the libraries contain many great books, but the majority of people will not read any of these books, or at best just a handful, in an entire life. There are way more documentaries and interesting movies than those that the average person will ever watch, and the world is full of wonderful places (with natural and artistic beauties to be left breathless), but of these places the average person will see just a microscopic fraction in the span of a life.

My recent article “Rome vs Barcelona” (still unavailable in english), in fact, is born from my astonishment to realize that my city, Rome, is full of extraordinary places, and yet the majority of the people I know -many of them residing in Rome and surroundings-, has never seen them, and doesn’t even know they exist. They spend most of their time working (unproductively) and as consequence they don’t have a lot of residual time to “consume” the artistic resources of the city.

Another example is the resource house. Often there’s a discussion about the problems of those who don’t have a house, and have to live in the street, or the large families that live amassed in a couple of rooms. However it’s rarely pointed out that in the cities and in the towns there are a lot of empty houses, unused. Houses where nobody lives, and that are not even put on the market for renting by the owners.

These are few examples, but they should already make one thing evident: the truth is that today there is a disproportion between the amount of resources that the humanity has available (food, houses, art, knowledge, entertainment…), and the amount of these resources that are actually consumed: only a part is consumed, sometimes only a part which is ridiculously small.

For this reason the mantras repeated often by the politicians and the media, “we need to produce more” and “we need growth”, are a nonsense. Why should we worry about producing more, if the humanity already now has an immense patrimony of resources available, of various types, that is not used?

There’s not much sense in this river of workers that runs every day between the traffic and the office. Not only their labor is condemned from the start to be unproductive, because as I mentioned above it follows a model which is obsolete and absurd, but really it doesn’t even need to be, productive, because the humanity doesn’t need more resources.

All this labor is not useful anymore. Not to produce, at least, since the originary function of labor is over at this point.

Nevertheless people continue to work

Yes, nevertheless people continue to work, and even a lot. The big traffic snake activates every morning. The alarm, a coffee on the run, the nerves for the time spent in the traffic, and then hours and hours locked in the office, of which only a part to produce something useful, and the other part wasting time in meaningless activities. All of this should at least do “something”. All this labor should have some sort of function. And in fact it does have it.

The function has become to control the access to the resources.

funzione-del-lavoro-controllo-accesso-alle-risorseThe fact that the resources exist in great abundance, in fact, it’s definitely not a guarantee that everybody is able to access them, not at all. Today for example a lot of people cannot afford to eat healthy food, to own a house, to increase their knowledge through books and documentaries, to explore the world. And if they cannot afford it’s because there is something that is keeping them at distance: it’s exactly their job.

The job is the reason why people return in the evening tired at home, and don’t have mental energy to read a book or watch a documentary, so they end up watching the game shows on television.

The job is the reason why people don’t have time and energy to cook healthy food, which usually requires more time to be found and prepared, so they end up eating pre-packaged industrial foods, highly processed.

The job is the reason why people don’t have enough vacation days to leave their city to travel for some months around the world, so they end up having to be content of 2-3 weeks of freedom per year, in summer, in which obviously everything is more expensive: airplane tickets, hotels, entertainment of various types.

The job is the reason why people remain uninformed, too emtpied phisically and mentally in the evening to have the energy to search to alternative information to that provided by the mainstream television, and don’t see that it’s exactly the politicians and the heads of the corporations who decide that the resources have to be thrown away, rather than be made accessible to those who need them.

For example, the reason why a lot of house owners prefer to keep their properties closed and not rented, rather that putting them on the market, is that the government makes the renting not convenient. Between the high taxes and the zero support in case of infractions by the tenants, they created a system in which often is preferable to keep the resource house unused, rather than putting it on the market.

This is just one of the many modern paradoxical situations, but many workers don’t even notice these situations, because they are too absorbed by their job to wonder about the reality that surrounds them.

Keeping people busy and distracted, at this point this has become the predominant function of labor, since the old productive function is practically extinct. We arrived to a degree of development in which the essential resources, those that people concretely need (food, house, clothes, medicines and little more) are already produced by a small fraction of the world population for all the others, in great abundance, thanks to the support of the machines.

All the other workers instead, the big snake that runs every day between the traffic and the office, is dedicated to superfluous jobs, mostly unproductive, useful to auto-feed the big snake itself. From the banking industry, to the pharmaceutical industry (for the most part), to the corporations that produce processed food, to the various public offices, it’s definitely not a surprise that the workers return home in the evening and they can’t repress the feeling that they “haven’t concluded anything”: the fact is that there was nothing to conclude!

All that there was to do, actually, was to stay busy and distracted. And to achieve this their job helped brilliantly.

The advantages of unemployment

If you open your eyes, you will realize that today the people who struggle more to access the resources, those who for example struggle more to buy a house, or simply to maintain a healthy lifestyle, are exactly the people who spend more time in the big traffic snake. Those who hold their job tight as a precious, and who work a lot of hours.

To these people it’s often repeated that “working is the solution” to their problems, that by working more they will get more close to the resources that they desire. Instead, just the opposite is true: it’s exactly their working that is keeping them away from the resources. Their job is the problem. For example, it’s all those hours of work that take away from people the desire to discover what money is, how it’s produced, by who, how it works, taking them away as consequence the possibility to learn how to earn more.

Even if it’s continuously repeated everywhere, without applying any critical thinking, that “there’s the need of having a job” and that “we need to have more employment”, I think that today the entire society would have great benefits if unemployment would increase, significantly. Since a lot of labor today is unproductive and sterile, or maybe it is, productive, but produces anyway an excess of resources that is later thrown away, surely there would not be damanges if a lot of jobs would disappear.

There would be a lot of advantages instead: people would have more occasions to look around, inform themselves, to have a more complete vision of the reality they live in. They could prevent the diseases by maintaining a natural diet and a non stressful lifestyle, rather than curing the diseases after they manifest. They could tend to research, art, study. All activities, these, that would accelerate the development of the society, rather than its “growth“.

Because, it’s important to remark it, it’s from development that a society obtains well-being, not from “growth”. Infinite growth, on a planet with finite resources, doesn’t make sense. It’s just an empty slogan that the politicians repeat to carry on this system based on unproductive labor, because from its effects (the general lack of information in the population) only them, and few others who belong to corporations and media elites, get benefits.

The future belongs to unemployment

I want to try to answer to an interesting question: how will labor evolve in the future? Will people work as many hours as today?

robot-cashier-in-a-barI leave the answer to this picture, that I’ve taken recently in the airport of Barcelona. It’s one of the bars that sell beverages and sandwiches to the travelers. At the cash desk there is not only the human cashier anymore, who manages the payment by the customers. No: between the human cashier and the customer a robot stepped in, and a quite cumbersome one. So the customer doesn’t pay directly in the hands of the human cashier anymore, but he puts the money inside the robot intermediary, and from the robot itself he gets the change.

I found it amusing how the human cashier was almost buried behind the bulky robot, and I wondered how much time will pass before she will completely dissapear from there, leaving the robot alone to manage the transaction, in a completely independent way. Not much, probably.

In fact, even if the job of the cashier today is still mainly done by people, it’s quite easy to predict that in the future it will be almost exclusively done by the machines. The trend is already evident now in the supermarkets, where there is a constantly growing fraction of automatic cashiers that replace the cash counters with human operator.

For how many types of human jobs is this trend going on? A lot: essentially all the manual jobs, or those that require just a minimal logic ability, like accounting. For other jobs instead the shift still has to start. In the construction sector, for example, the buildings are still built with a lot of labor by the human workers, but it’s not difficult to imagine that soon also this job will disappear, and that the buildings will be “printed” with technologies like the 3D printers.

In the past we’ve seen the progressive extinction of a lot of human jobs, at a continuous rate, and I think that this rate will continue naturally in the future. The jobs that more rapidly will disappear will be the manual ones, while those with the highest chances of surviving will be the creative and artistic jobs, in which the human has the edge over the machines. And it’s exactly in this types of jobs that what counts is the value: the ideas, the intuition, the inspiration, the passion. All things that have little to do with the hours spent inside an office.

Even if a lot of people who have non creative jobs tend to be scared of change, opposing to the idea that their labor is not needed anymore (because the machines do it more efficiently and productively), the increase of unemployment is natural and physiological. It makes perfect sense that in the future people will work a lot less hours per week than what they do now.

A future scenario, toward which we can head, is one where more than now the machines will take care of producing the essential resources for people, while people will concentrate on activites aimed at development, like art, science and research. A scenario where the bound labor-income is very weak, and in which obviously those who will want to, will work a lot of hours per week, but they will do it for the passion, and not because forced by the financial system.

We are already heading toward this scenario, but in an incredibly painful way, at the expense of the enormous stress that many workers immersed in the traffic snake feel every day, and at the expense of their not being able to access the resources because they’re too busy working (unproductively) to access them.

Understanding that all this labor, at this point, has almost exclusively the function of social control, of regulating the access to resources that already exist in great abundance, is an essential step to facilitate the journey. Having read this article should have helped you taking it.


Note: The study mentioned about the waste of food is “Global food – Waste not, want not” by imeche.org.

Related: How to earn money without working, How to free yourself from the system

La funzione del lavoro

La funzione del lavoro è cambiata profondamente negli ultimi tempi: oggi non è più quella di produrre risorse, bensì quella di controllare l’accesso alle risorse. Incredibilmente, sembra che molti ancora non se ne siano accorti.

funzione-del-lavoro-copertinaLavoro improduttivo

Ogni giorno un fiume di impiegati si riversa nel traffico, e poi si chiude 8 e più ore in ufficio… però non sta producendo praticamente nulla. Una minima parte di questi lavoratori, certo, produce davvero risorse utili. Magari crea applicazioni tecnologiche innovative, o fa ricerche in campo scientifico o alimentare.

Ma sfortunatamente questa minima parte è sovrastata, schiacciata da un’enorme massa di impiegati che, in ore di fuffa davanti ai computer, non produce alcun valore concreto per la società. Di questa massa ho fatto parte anch’io, e fanno attualmente parte molti miei parenti e amici, per cui la sensazione frustrante di “non aver prodotto niente” alla fine di una giornata in ufficio la conosco bene.

Perché succede questo? La causa sono i lavoratori, che sono troppo pigri e demotivati, e che quindi in tante ore di lavoro non producono niente degno di nota? In realtà, solo in minima parte. La causa principale dell’ improduttività non sono i lavoratori, la causa è proprio il lavoro stesso: è concepito male, e soprattutto non serve.

Il lavoro è concepito male

Sul fatto che il lavoro moderno sia concepito male ho già scritto, per cui qui sarò molto breve.

Il problema è che insistiamo a usare un modello di lavoro dell’epoca industriale, obsoleto, che poteva andar bene un tempo, in cui un operaio messo al tornio per 8 ore a muovere la manovella, passava effettivamente 8 ore a muovere la manovella. Ma questo modello si continua ad utilizzare oggi, e applicato al lavoro intellettuale, di concetto, non funziona. Non ripeterò mai abbastanza che l’idea di portare avanti un lavoro intellettuale per 8 e più ore al giorno è irrealistico.

C’è l’ostinazione a vincolare il lavoro al tempo che il lavoratore passa effettivamente a lavorare, come se ai clienti che comprano un bene/servizio importasse qualcosa di quante ore è stato necessario lavorare per produrlo. Questo vincolo non ha molto senso, per un numero sempre crescente di lavori. Quello che ha senso, invece, è vincolare il lavoro al valore che viene creato e distribuito ai clienti.

Il lavoro non serve più

Ma c’è qualcosa di ancora più interessante: il fatto che il lavoro sia improduttivo, in realtà, non è un problema. So che questa affermazione sembra controintuitiva, eppure bisogna considerare che siamo arrivati a un punto, nella storia, in cui non abbiamo bisogno di aumentare la produzione di risorse, perché le risorse ci sono già per tutti. Anzi, ce ne sono decisamente troppe.

Ad esempio in termini di cibo. Attualmente siamo oltre 7 miliardi di persone sul pianeta, ma produciamo cibo per sfamarne 12 miliardi. Quindi produciamo troppo cibo e lo buttiamo via, riuscendo comunque, nel frattempo, a far morire di fame milioni di persone (in Africa e altri paesi poveri). Lo spreco della risorsa cibo è stato messo in numeri da uno studio di qualche anno fa, che ha evidenziato come una percentuale tra il 30 e il 50% del cibo prodotto sul pianeta non raggiunga mai uno stomaco umano. E senza dover consultare i numeri, lo vediamo bene “a occhio” nelle nostre case e nei supermercati: si butta tanto, si butta troppo.

E che dire del cibo per la mente? Anche di questo ce n’è tantissimo, infinitamente di più di quanto la società attuale sembra desiderare. Gli scaffali delle librerie contengono tantissimi libri grandiosi, ma di questi libri gran parte delle persone non ne leggerà nessuno, o al massimo solo una manciata, in una vita intera. Ci sono molti più documentari e film interessanti di quanti la persona media vedrà mai, e il mondo è pieno di posti meravigliosi (con bellezze naturali e artistiche da togliere il fiato), ma di questi posti la persona media non ne vedrà che una frazione microscopica in tutta una vita.

Il mio recente articolo “Roma vs Barcellona” infatti, è nato dal mio stupore nel constatare come la mia città, Roma, sia piena di posti straordinari, eppure gran parte delle persone che conosco -molte delle quali residenti a Roma stessa e dintorni-, non li ha mai visti, e anzi nemmeno sa che esistono. Passano gran parte del loro tempo a lavorare (improduttivamente) e di conseguenza non hanno molto tempo residuo per “consumare” le risorse artistiche della città.

Un altro esempio è quella della risorsa casa. Spesso si discute dei problemi di chi la casa non ce l’ha, e che si ritrova a vivere in strada, o delle famiglie numerose che vivono ammassate in un paio di stanze. Eppure raramente si fa notare che nelle città e nei paesi ci sono tantissime case vuote, inutilizzate. Case in cui non abita nessuno, e che non vengono nemmeno messe in affitto dai proprietari.

Questi sono pochi esempi, eppure già dovrebbero rendere evidente una cosa: la verità è che oggi esiste una sproporzione tra la quantità enorme di risorse che l’umanità ha a disposizione (cibo, case, arte, conoscenza, forme di intrattenimento…), e la quantità di queste risorse che viene effettivamente consumata: ne viene consumata solo una parte, a volte solo una parte ridicolmente piccola.

Per questo motivo i mantra ripetuti spesso da politici e media, “bisogna produrre di più” e “bisogna crescere”, sono una sciocchezza. Perché preoccuparsi di produrre più risorse, se l’umanità già adesso ha a disposizione un patrimonio immenso di risorse, di vario genere, che non usa?

Non ha molto senso questo fiume di lavoratori che corre ogni giorno tra il traffico e l’ufficio. Non solo il loro lavoro è condannato già dalla partenza ad essere improduttivo, proprio perché come ho accennato sopra segue un modello obsoleto e assurdo, ma addirittura non ha nemmeno bisogno di esserlo, produttivo, perché l’umanità non ha bisogno di più risorse.

Tutto questo lavoro non serve più. Non a produrre almeno, visto che la funzione originaria del lavoro è ormai decaduta.

Eppure si continua a lavorare

Già, eppure si continua a lavorare, e anche tanto. Il serpentone si attiva tutte le mattine. Sveglia, un caffè bevuto di corsa, i nervi per il tempo trascorso nel traffico, e poi ore e ore chiusi in ufficio, di cui solo una parte a produrre qualcosa di utile, e l’altra a perdere tempo in attività insignificanti. Tutto questo “qualcosa” dovrà pur fare. Una qualche funzione, tutto questo lavoro, dovrà pur averla. E infatti ce l’ha.

La funzione è diventata quella di controllare l’accesso alle risorse.

funzione-del-lavoro-controllo-accesso-alle-risorseIl fatto che le risorse esistano in grande abbondanza, infatti, non è certo garanzia che tutti riescano ad accedervi, tutt’altro. Oggi ad esempio moltissime persone non possono permettersi di mangiare cibo sano, di possedere una casa, di aumentare le proprie conoscenze tramite libri e documentari, di esplorare il mondo. E se non possono permetterselo è perché c’è qualcosa che glielo vieta: è proprio il loro lavoro.

È a causa del lavoro che le persone tornano la sera stanche a casa, e non hanno energia mentale per leggere un libro o guardare un documentario, per cui finiscono a guardare i telequiz in televisione.

È a causa del lavoro che le persone non hanno tempo e voglia di cucinare cibo salutare, che di solito richiede più tempo per essere reperito e preparato, per cui finiscono a mangiare cibi confezionati industriali, altamente processati.

È a causa del lavoro che le persone “non hanno le ferie” per potersi allontanare dalla propria città per viaggiare qualche mese per il mondo, per cui finiscono a doversi accontentare di 2-3 settimane di libertà all’anno, d’estate, in cui ovviamente tutto è più costoso: voli aerei, pernottamenti in hotel, intrattenimenti vari.

È a causa del lavoro che le persone restano disinformate, troppo svuotate fisicamente e mentalmente la sera da aver voglia di cercare informazioni alternative a quelle dalla televisione mainstream, e non vedono che sono proprio i politici e i capi delle corporazioni a decidere che le risorse vengano buttate, piuttosto che rese accessibli a chi ne ha bisogno.

Ad esempio, il motivo per cui molti proprietari di case preferiscono tenere le loro abitazioni chiuse e non affittate, piuttosto che metterle a disposizione, è che il governo rende sconveniente affittarle. Tra le tasse altissime e il nessun supporto in caso di infrazioni da parte degli inquilini, si è creato un sistema in cui è spesso preferibile lasciare la risorsa casa inutilizzata, piuttosto che metterla sul mercato.

Questa non è che una delle tante situazioni paradossali moderne, eppure di queste situazioni moltissimi lavoratori nemmeno se ne accorgono, proprio perché troppo assorbiti dal lavoro per farsi qualche domanda sulla realtà che li circonda.

Tenere occupate e distratte le persone, questa è diventata ormai la funzione predominante del lavoro, visto che la vecchia funzione produttiva si è praticamente estinta. Siamo arrivati a un grado di sviluppo in cui le risorse essenziali, quelle di cui la gente ha concretamente bisogno (cibo, casa, vestiti, medicinali e poco altro) vengono già prodotte da una piccola frazione della popolazione mondiale per tutti gli altri, in grande abbondanza, grazie al supporto delle macchine.

Tutto il resto dei lavoratori invece, il serpentone che tutti i giorni corre tra traffico e ufficio, è per lo più dedito a lavori superflui, poco produttivi, utili ad auto-alimentare il serpentone stesso. Dall’industria bancaria, all’industria farmaceutica (in gran parte), alle corporazioni alimentari del cibo processato, ai vari uffici pubblici, non è certo sorprendente che i lavoratori tornino a casa la sera non riuscendo a reprimere la sensazione di “non aver concluso niente”: il fatto è che non c’era proprio nulla da concludere!

Tutto quello che c’era da fare in realtà, era tenersi occupati e distratti. E a questo il loro lavoro ci ha pensato egregiamente.

I vantaggi della disoccupazione

Se aprite gli occhi, vi accorgerete che oggi le persone che hanno più difficoltà ad accedere alle risorse, quelle che ad esempio faticano di più a comprarsi una casa, o semplicemente a mantenere uno stile di vita salutare, sono proprio le persone che passano più tempo nel serpentone. Quelle che si tengono stretto il posto di lavoro, e che lavorano molte ore.

A queste persone viene ripetuto che “il lavoro è la soluzione” dei loro problemi, che lavorando di più si avvicineranno di più alle risorse che desiderano. E invece è vero esattamente il contrario: è proprio il loro lavoro che le tiene lontane dalle risorse. Il lavoro è il problema. Ad esempio, sono proprio tutte quelle ore di lavoro che tolgono alle persone la voglia di scoprire che cos’è il denaro, come viene prodotto, da chi, come funziona, togliendo loro di conseguenza la possibilità di imparare a guadagnarne di più.

Nonostante si continui a ripetere ovunque, senza applicare un ragionamento critico, che “c’è bisogno di lavoro” e che “bisogna aumentare l’occupazione”, io credo che oggi la società intera trarrebbe dei grossi benefici se aumentasse, di parecchio, la disoccupazione. Poiché moltissimi lavori che vengono svolti sono improduttivi e sterili, o magari lo sono, produttivi, ma producono comunque un eccesso di risorse che viene poi buttato, non ci sarebbero certamente danni se questi lavori sparissero.

Ci sarebbero invece molti vantaggi: le persone avrebbero più occasioni di guardarsi intorno, informarsi, avere una visione più completa della realtà in cui vivono. Potrebbero prevenire le malattie grazie a un’alimentazione naturale e uno stile di vita poco stressante, anziché curare le malattie dopo che si sono manifestate. Potrebbero dedicarsi alla ricerca, all’arte, allo studio. Tutte attività, queste, che accelererebbero lo sviluppo della società, piuttosto che la sua “crescita”.

Perché, è importante sottolinearlo, è lo sviluppo che fa bene a una società, non la “crescita”. La crescita infinita, su un pianeta con risorse finite, non ha senso. È solo uno slogan vuoto che ripetono i politici per mandare avanti questo sistema basato sul lavoro improduttivo, dei cui effetti (la generale disinformazione della popolazione) beneficiano solo loro stessi e pochi altri appartenenti ad elite di corporazioni e media.

Il futuro è della disoccupazione

Voglio cercare di rispondere a una domanda interessante: come evolverà il lavoro in futuro? Si lavorerà tante ore come oggi?

robot-cassiere-in-un-barLascio che a rispondere sia questa foto, che ho fatto di recente nell’aereoporto di Barcellona. È uno dei bar che vendono bevande e panini ai viaggiatori. Alla cassa non c’è piu solamente la cassiera umana che gestisce il pagamento da parte dei clienti. No: tra la cassiera umana e il cliente si è inserito un robot, bello corpulento tra l’altro. Il cliente quindi non paga più direttamente alla cassiera umana, ma mette i soldi dentro l’intermediario robot, e dal robot stesso riceve il resto.

Ho trovato buffo come la cassiera umana fosse quasi sepolta dietro l’ingombrante robot, e mi sono chiesto quanto tempo passerà prima che sparirà del tutto da lì dietro, lasciando che sia il robot da solo a gestire la transazione, in maniera completamente indipendente. Non molto, probabilmente.

Infatti, anche se il lavoro di cassiere oggi è ancora svolto per la maggior parte dalle persone, non è certo azzardato prevedere che in futuro sarà svolto quasi esclusivamente dalle macchine. La tendenza è già evidente adesso nei supermercati, dove c’è una frazione sempre crescente di casse automatiche che sostituiscono le casse dotate di operatore umano.

Per quanti tipi di lavori umani è in atto la stessa tendenza? Moltissimi: essenzialmente tutti quelli manuali, o che richiedono solo una capacità logica minima, come è fare i conti. Per altri lavori invece il passaggio di consegne deve ancora cominciare. Nel settore dell’edilizia, ad esempio, attualmente gli edifici si costruiscono ancora con molto lavoro umano da parte dei muratori, ma non è difficile immaginare che a breve anche il lavoro del muratore sparirà, e che le case verranno “stampate” con tecnologie come quella delle stampanti 3D.

Nel passato abbiamo visto l’estinzione progressiva di molti lavori umani, a ritmo continuo, e credo che questo ritmo continuerà naturalmente in futuro. I lavori che maggiormente spariranno saranno qualli manuali, mentre quelli con più alta probabilità di sopravvivenza saranno i lavori creativi e artistici, in cui l’umano ha un incolmabile vantaggio sulle macchine. Ed è proprio in questi tipi di lavori che quello che conta è il valore: le idee, gli spunti, l’ispirazione, la passione. Tutte cose che hanno poco a che fare con le ore passate dentro un ufficio.

Nonostante molte persone che svolgono lavori non creativi tendono ad avere paura del cambiamento, opponendosi all’idea che il loro lavoro non serva più (perché svolto in maniera più efficiente e produttiva dalle macchine), l’aumento della disoccupazione è naturale e fisiologico. Ha perfettamente senso che in futuro le persone lavoreranno per molte meno ore a settimana di quanto si faccia adesso.

Uno scenario futuro, verso cui possiamo dirigerci, è quello in cui ancora di più le macchine si occuperanno di produrre le risorse essenziali per le persone, mentre le persone si concentreranno su attività mirate allo sviluppo, come arte, scienza e ricerca. Uno scenario in cui il vincolo lavoro-reddito sia molto debole, e in cui ovviamente chi vorrà potrà lavorare anche tantissime ore a settimana, ma lo farà per passione, e non perché costretto dal sistema finanziario.

Verso questo scenario ci stiamo già dirigendo, ma in maniera incredibilmente dolorosa, a costo dell’enorme stress che moltissimi lavoratori immersi nel serpentone provano ogni giorno, e a costo del loro non poter accedere alle risorse proprio perché troppo occupati a lavorare (improduttivamente) per potervi accedere.

Capire che tutto questo lavoro, ormai, ha quasi esclusivamente la funzione di controllo sociale, di regolare l’accesso a risorse già esistenti in abbondanza, è un passo essenziale per facilitare il percorso. Aver letto questo articolo dovrebbe averti dato una mano a farlo.


Note: Lo studio citato sullo spreco di cibo è “Global food – Waste not, want not” condotto da imeche.org.

Relativi: Come guadagnare senza lavorare, Roma vs Barcellona, Come liberarti dal sistema